Regime dei Minimi 2015 per i nuovi Infermieri Libero Professionisti

Dal 1° gennaio 2015 chi intende avviare una nuova piccola impresa o attività professionale, quindi anche gli Infermieri potranno accedere subito al nuovo regime dei minimi introdotto dalla Legge di stabilità 2015 direttamente al momento della richiesta di apertura della Partita IVA.

Regime dei Minimi 2015 per i nuovi Infermiere Libero Professionisti

L’Agenzia delle Entrate chiarisce, infatti, che, fino all’approvazione e pubblicazione del modello aggiornato della dichiarazione di inizio attività, per usufruire del nuovo regime semplificato basterà barrare la casella prevista per l’adesione al precedente

Regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, previsto dall’art 27, commi 1 e 2 del Dl n. 98/2011.

In questo modo, con un semplice segno di spunta sul modello, le nuove Partite IVA che intendono esercitare in forma individuale, con ricavi o compensi tra 15mila e 40mila euro (a seconda del tipo di attività economica) potranno avvantaggiarsi di un sistema di favore con meno adempimenti e meno imposte da pagare.

Nuovi minimi, i vantaggi del nuovo regime

Il nuovo regime forfetario per i piccoli contribuenti è stato introdotto dalla Legge di stabilità 2015 ed entra in vigore dall’1° gennaio 2015. L’imposta unica, che sostituirà Irpef, addizionali regionali e comunali e Irap, sarà ad aliquota fissa del 15% sul reddito imponibile determinato forfettariamente sulla base dei ricavi o dei compensi.

Tra i vantaggi che derivano dall’adesione al nuovo regime, nessuna ritenuta d’acconto da applicare ed esonero dal versamento dell’Iva e dai principali adempimenti, come, ad esempio, l’obbligo di registrazione e di tenuta delle scritture contabili. Inoltre nessun limite temporale per la permanenza nel regime e nessun limite di età per accedere. Chi si avvale del regime per avviare una nuova attività, infine, beneficerà di un’ulteriore riduzione di 1/3 del reddito imponibile per i primi 3 anni.

Novità Regime dei Minimi 2015

  • Innalzamento dell’aliquota per l’imposta sostitutiva che passerà dal 5% al 15% per tutte le categorie di lavoratori autonomi
  • Limite di fatturato non più di 30.000€ per tutte le attività, ma soglia che varierà a seconda del codice Ateco, dai 15.000€ per i professionisti e i cosiddetti lavoratori intellettuali fino a 40.000€ per la ristorazione
  • La gestione dei costi e la loro influenza sul reddito finale a cui applicare l’aliquota. Se fino ad oggi anche per i minimi era possibile detrarre dal fatturato i costi inerenti l’attività per ridurre la base imponibile su cui applicare l’imposta, come nel regime ordinario, nel nuovo regime dei minimi verrà applicato un coefficiente di redditività al reddito lordo annuale: ad esempio un artigiano che guadagnerà 20.000€ sarà applicato un coefficiente del 67%, quindi pagherà il 15% d’imposta su 13.400€, con un totale da pagare di 2.010€. La convenienza del nuovo regime sarà appunto da analizzare caso per caso.

A fronte di questi aggravi saranno presentati anche alcuni vantaggi:

  • Rimanere all’interno del regime senza limiti temporali
  • La permanenza nel regime non è preclusa da cessioni all’esportazione
  • Si potranno sostenere nell’anno spese per lavoro dipendente non superiori a 5.000€
  • Non sarà presente il vincolo di 15.000€ per l’acquisto di beni strumentali effettuati nel triennio precedente, ma sarà verificato alla fine dell’esercizio precedente, con un limite fissato a 20.000€
  • La norma consente di determinare i contributi dovuti alle gestioni di artigiani e commercianti sul reddito effettivamente prodotto, cancellando l’obbligo di versamento sul reddito minimale annuo.

Secondo la fase transitoria di questo nuovo regime, ricordiamo che al momento, chi al 31 Dicembre 2014 fa parte del Regime dei Minimi potrà rimanerne all’interno per i limiti temporali prestabiliti ovvero fino alla conclusione dei 5 anni dall’inizio attività o fino al compimento del 35° anno di età (disegno di legge Art.1 commi 75-78).

About Mirko Rea

Infermiere 28enne, Libero Professionista dal 2013. Ha conseguito la Laurea in Infermieristica a Marzo 2013 presso l'Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Amante del WEB 2.0 ha deciso di condividere con tutti i suoi colleghi le informazioni, i percorsi da seguire, le esperienze e tutto il materiale che sino ad oggi hanno caratterizzato il suo percorso da Libero Professionista.

Leggi anche

Come funziona il nuovo Regime dei Minimi 2016?

Il Regime dei Minimi 2016 diventa più favorevole rispetto alla riforma dell’anno scorso, con innalzamento …

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere gratuitamente tutte le notizie pubblicate sul sito Infermiere Libero Professionista.

Invia questa pagina a chi vuoi

Ciao, navigando in rete ho trovato molto interessante quest'argomento: "Regime dei Minimi 2015 per i nuovi Infermieri Libero Professionisti"! Ti invio il link: https://www.infermiereliberoprofessionista.it/regime-dei-minimi-2015-per-i-nuovi-infermieri-libero-professionisti/